La Scacchetesi e Paulo Cohelo

Paulo Coelho

Anche i monaci giocano a Scacchi

Molto gradevole la storia, scritta da Paolo Coelho, in cui gli Scacchi divengono, per un monaco, il mezzo per agevolare la comprensione della misericordia divina. Si tratta di un vero e proprio esercizio di moderno Storytelling.

Disse il giovane all’abate del monastero: “Vorrei tanto essere un monaco, ma non ho imparato niente di importante nella vita. Tutto ciò che mio padre mi ha insegnato è giocare a scacchi, cosa che non serve per l’illuminazione”.
“Chi sa che questo monastero non abbia bisogno di svago”, fu la risposta.
L’abate, allora, chiese una scacchiera, convocò un monaco e gli disse di giocare con il ragazzo. Ma, prima che la partita cominciasse, aggiunse: “Anche se abbiamo bisogno di svago, non possiamo permettere che stiano tutti a giocare a scacchi. Dunque, terremo qui solo il migliore dei giocatori. Se il nostro monaco perderà, andrà via dal monastero e lascerà un posto libero per te”.
L’abate parlava seriamente. Il ragazzo sentì che era in gioco la sua vita e cominciò a sudare freddo. La scacchiera divenne il centro del mondo. Il monaco iniziò a perdere. Il ragazzo lo incalzò, ma poi notò lo sguardo di santità dell’altro: da quel momento cominciò a fare di proposito le mosse sbagliate. In fin dei conti, preferiva perdere, perché il monaco poteva essere più utile al mondo.
All’improvviso, l’abate rovesciò per terra la scacchiera. “Hai imparato molto di più di ciò che ti hanno insegnato – disse -. Ti sei concentrato abbastanza per vincere, sei stato capace di lottare per ciò che desideravi. Poi, hai avuto compassione, ed eri disposto a sacrificarti in nome di una causa nobile. Che tu sia il benvenuto nel monastero, perché sai equilibrare la disciplina con la misericordia”.

Dopo una simile introduzione pensate ancora che i giovani e i giovanissimi non giocherebbero volentieri anche a Scacchi in un Oratorio? Io sono sicuro di sì!

Lascia un commento da Facebook

Leave A Response

* Denotes Required Field